Home > Vitigni > Trebbiano Romagnolo
Trebbiano Romagnolo
Caratteristiche - scheda vino
Sinonimi: trebbiano della fiamma, trebbiano di Romagna.
Colore bacca: Bacca bianca
Diffusione originale: Autoctono
Vigoria: Medio-Buona
Maturazione: Prima decade di ottobre.
Produttività: Abbondante e costante.
Zone di coltivazione: è il vitigno più coltivato in Romagna e trova la sua massima diffusione in provincia di Ravenna, mentre è marginale la sua presenza nelle vicine province emiliane.
Storia del vitigno: vitigno di antichissima origine, già noto e coltivato in Romagna ai tempi dei Romani e citato da Plinio nella sua ?Naturalis Historia? con il nome di ?trebulanum?. Il trebbiano romagnolo è il vitigno più coltivato in Emilia-Romagna e trova la sua massima diffusione in provincia di Ravenna. Il vitigno, nel corso dei secoli, è sempre stato oggetto di numerosi studi e negli ultimi anni di selezioni clonali che hanno portato all?omologazione di tre sottospecie diverse.
Caratteristiche ampelografiche: foglia media, lembo pentagonale, pentalobata, pagina superiore aracnoidea, di colore verde cupo, opaca. Grappolo medio-grande, a forma conico-piramidale, compatto o semi-spargolo, alato. Acino medio, sferoidale, con buccia consistente,di colore verde giallognolo, talora lievemente ambrato, pruinosa.
Caratteristiche del vino prodotto con questo vitigno: Dal trebbiano giallo si ottiene un vino dal colore giallo paglierino, con profumo abbastanza intenso e fruttato. Il gusto è piacevole, di media struttura e dotato di buona equilibrio tra la freschezza e le sensazioni pseudocaloriche.